Categories
We are in Social
19 December
2013
Europe Italy Valle D'Aosta
415 Views

La Torretta Hotel: Val D’Aosta starts here

Share


 

We are in the heart of Challant’s lands, the noble family that ruled on behalf of the Savoy good part of the Aosta Valley for many centuries. At the foot of Monte Rosa, at the entrance of the Ayas Valley, the landscape is dotted with castles and strategic locations from which they controlled all entrances to the region: a door to the kingdom that it was necessary to control for military and commercial reasons. Next to the Evançon river, the Graines castle, region’s oldest manor house, important service and lookout station. At its foot, “La Torretta” (“The little tower”), a place of hospitality full of magic and traditions since XX century.
Everything here is precious and special, every detail brings with it a piece of history, memories and scents.
Paola Voulaz and Nica Di Pietrantonio run the hotel where we are and the Maison Dominique, a cozy and intimate outbuildings 500 meters from here, surrounded by the remains of an old Walser village: a zero impact structure thanks to solar panels and biomass energy, nestled in the mountains landscape and mood.

This slideshow requires JavaScript.

In the ’20s my grandfather was here at La Torretta experimenting on crops and seeds, and next to the agricultural part of the estate ran a small hotel with a restaurant, a kind of inn for people passing by.”
Paola Voulaz tells us about the beginnings of her family business, making us understand the origins of their love for this place: “Here there were only dirt roads, people used to arrive on a donkey or by coach. For the pack animals my grandparents used to prepare the “soup of the donkey” made of black bread, red wine and sugar, which gave them the strength to continue the climb. This was a place of conviviality and a meeting point, the only one where there was the phone or – later – the television. It was the landmark of the villages around and it was also the place where fishing permits for the Reserve and the Riservino were issued for Saint Vincent Casino’s customers, in the golden times when prominent personalities of those years were also our guests.”
But Paola and Nica professional path did not start from here. Their life was far from these horizons: Nica was a naturopath, Paola a psychotherapist. Both worked a lot in Milan and, when they met for business reasons, they discovered the desire for a different path and a pace that would respect the values and balance they were looking for.
La Torretta was there waiting for them and, looking at the result of their work, it seems incredible that they did almost everything by themselves. No designer, no architect: with some help from Paola’s father, they worked wood, recycled barns doors and fallen logs, saved beams from destruction, adapted cribs, reused stones and sledges. Every single piece of furniture holds a place, a memory, a name: “Everything here comes from Valle d’Aosta – they explain to us – we have recovered and rearranged everything, from stone to wood, from tables to furniture. “
A hymn to beauty, good taste and sustainability: a philosophy of life, not just a professional principle: “Choose to respect the zero kilometer and reuse philosophy has not always been an easy choice, but also the food we use is mostly local. We have started fruitful collaborations with farmers and producers in the area, creating synergies and partnerships in which we strongly believe.”
The food at La Torretta is another wonderful aspect of this place. Here bread is baked in house, there is the Pan Perdu and the muffins with Arnad raspberries, Les bières du Grand St Bernard, potatoes and vegetables from their vegetable garden, Brusson honey and Alpine milk.

This slideshow requires JavaScript.

In Valle D’Aosta each square meter of pasture contains an average of 36 medicinal herbs: imagine the taste and the power of cows milk after eating this grass. We also use it to make Km 0 ice cream that, on board our van, we also sell in the entire region during summer. Last August at the Tor des Giants and “Batailles des reines” events people queued two hours in front of our van to taste it.

This slideshow requires JavaScript.

Paola and Nica are not only two hoteliers that have made La Torretta a nice, warm and cozy place as the best of the houses, but two ambassadors of the land in which they live: they work hard to enhance their territory and to network with all the other excellent reality around them, so that they have also founded the Slow Holiday association with the aim of promoting local nature, art, food, sports, and culture through the hospitality of 30 small or medium-sized structures spread throughout Valle d’Aosta.
Getting in touch with them means be astonished by the creative force of two women who have been able to imagine a different future and work hard every day to realize the reality they believe in, both if it means take away old barns doors from destruction, or if means to treat the wood the way in the rooms there is a wonderful cinnamon scent that surrounds guests in a unique atmosphere.
Ten minutes from ski slopes, surrounded by castles and wonderful nature trails along Challant’s medieval irrigation canals (called “Ru”), La Torretta is the perfect place for mountain lovers, but to make it a really special place is the style of those who manage it with love every day.
Being a guest of Paola and Nica is a special experience that we hope all of you feel like trying.

This slideshow requires JavaScript.

[Versione italiana]

La Torretta Hotel: la Val D’Aosta inizia qui

Siamo nel cuore delle terre degli Challant, la famiglia nobile che per conto dei Savoia governò su buona parte della Valle D’Aosta per molti secoli. Ai piedi del Monte Rosa, all’imbocco della Val d’Ayas, il paesaggio è costellato di castelli e luoghi strategici dai quali si controllavano tutti gli ingressi alla regione: una porta sul regno che occorreva tenere sotto controllo per motivi militari e commerciali. Accanto al torrente Evançon, il Castello di Graines, il più antico maniero della Valle d’Aosta, importante stazione di servizio e avvistamento.
Ai piedi del Castello, “La Torretta”, un luogo d’ospitalità che dagli inizi del ‘900 dona magia e tradizioni.
Tutto qui è prezioso e speciale, ogni dettaglio porta con sé un pezzo di storia, ricordi, profumi.
Paola Voulaz e Nica Di Pietrantonio gestiscono l’hotel che ci ospita e la Maison Dominique, a 500 metri da qui, una dépendance intima e accogliente circondata da ciò che rimane di un antico villaggio Walser: una struttura a impatto zero, energeticamente indipendente grazie ai pannelli solari e alla biomassa, immersa nel paesaggio e nell’umore delle montagne.

This slideshow requires JavaScript.

Negli anni ’20 mio nonno qui alla Torretta faceva sperimentazione sulle colture e sulle sementi e accanto alla parte agricola della tenuta gestiva un alberghetto con un piccolo ristorante, una locanda per la gente di passaggio”.
Paola Voulaz ci racconta gli albori dell’attività di famiglia, facendoci capire le origini dell’amore per questo luogo: “Qui c’erano solo strade sterrate, ci si arrivava a dorso d’asino o col torpedone. Per gli animali da traino i miei nonni preparavano la Zuppa dell’Asino fatta di pane nero, vino rosso e zucchero, che dava loro la forza per continuare nella salita. Questo era un luogo di convivialità e ritrovo, l’unico in cui c’era il telefono o – più tardi – la televisione. Era il punto di riferimento dei villaggi intorno ed era anche il luogo dove si rilasciavano i permessi di pesca per la Riserva e il Riservino dei clienti del Casinò di Saint Vincent ai tempi d’oro in cui anche Saragat, Renato Rascel, Silvana Mangano, Dino De Laurentis, conti, nobili e molti altri personaggi di spicco di quegli anni furono nostri ospiti.”
Ma il cammino di Paola e Nica non è partito da qui. La loro vita professionale era ben lontana da questi orizzonti: Nica era naturopata, Paola psicoterapeuta. Entrambe lavoravano a Milano e, quando si incontrarono per ragioni di lavoro, scoprirono il desiderio di un cammino diverso e di un ritmo che rispettasse l’equilibrio e i valori che andavano cercando.

This slideshow requires JavaScript.

La Torretta era lì ad aspettarle e, guardando il risultato della loro gestione, sembra incredibile che abbiano fatto praticamente tutto da sole. Nessun designer, nessun architetto: aiutate dal padre di Paola, hanno lavorato il legno, recuperato porte di stalle e tronchi caduti, salvato travi dalla distruzione, riadattato culle, riutilizzato pietre e slitte. Ogni singolo pezzo d’arredamento custodisce un luogo, un ricordo, un nome: “Tutto qui è valdostano – ci spiegano – abbiamo recuperato e sistemato ogni cosa, dalle pietre al legno, dai tavoli alle suppellettili.”
Un inno alla bellezza, al buon gusto e alla sostenibilità: una filosofia di vita, non solo un principio professionale: “Scegliere il chilometro zero e il riuso di materiali non è sempre stata una scelta facile, ma anche i prodotti che utilizziamo in cucina sono soprattutto locali. Abbiamo avviato collaborazioni proficue con allevatori e produttori della zona, dando vita a sinergie e sodalizi in cui crediamo molto al fine di promuovere l’intero nostro territorio.”
La cucina de La Torretta è un’altra meraviglia di questo luogo. Qui si panifica in casa, si trovano il Pan Perdu e i muffin con i lamponi di Arnad, Les bières du Gran St Bernard, le patate e le verdure dell’orto a fianco, il miele di Brusson e il latte d’alpeggio.

This slideshow requires JavaScript.

In Valle D’Aosta ogni metro quadrato di pascolo contiene mediamente 36 erbe medicinali: immaginate il sapore e il potere del latte delle mucche che brucano su queste terre. Noi lo utilizziamo anche per fare il Gelato a Km 0 che poi, a bordo del nostro furgone, portiamo anche in giro per la tutta la regione durante la bella stagione. Quest’anno al Tor des Géants e alle “Batailles des reines” avevamo gente che ha fatto la coda due ore di fronte al furgoncino per poterselo gustare”.
Paola e Nica non sono solo due albergatrici che hanno reso La Torretta un luogo bello, caldo e accogliente come la migliore delle case, ma due ambasciatrici della terra in cui vivono: si danno da fare per valorizzare il territorio e far rete con tutte le altre realtà eccellenti che le circondano, tanto da aver costituito anche l’associazione Slow Holiday con lo scopo di promuovere natura, arte, cibo, sport e cultura locali attraverso l’ospitalità di 30 strutture di piccole e medie dimensioni dislocate su tutto il territorio valdostano.
Entrare in contatto con loro significa meravigliarsi della forza creatrice di due donne che si sono sapute immaginare un futuro diverso e lavorano ogni giorno alacremente per concretizzare una realtà in cui credono, sia che questo significhi sottrarre le porte di antichi fienili alla distruzione, sia che questo significhi trattare il legno delle camere perché sprigioni un meraviglioso profumo di cannella che avvolge gli ospiti in un’atmosfera unica.
A dieci minuti dagli impianti sciistici, circondata da castelli meravigliosi e percorsi naturali lungo i canali irrigui medievali degli Challant (i cosiddetti “Ru”), La Torretta è il luogo ideale per gli amanti della montagna, ma a rendere davvero speciale il soggiorno in questo luogo, è lo stile di chi lo gestisce con cuore ogni giorno.
Essere ospiti di Paola e Nica significa vivere un’esperienza speciale a cui speriamo che nessuno di voi voglia rinunciare.

Google

This slideshow requires JavaScript.




1 Comment:

Leave a Reply







ABOUT US

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

Damianildo9’s Instagram Feed

Elena’s Instagram Feed

Top Posts & Pages